Home arrow Gare Nazionali arrow Campionato Italiano arrow Italiano 2010 arrow Campionato Italiano 2010 arrow Busca ospita la seconda prova del Campionato Italiano - Comunicato team Miglio KTM
 
Busca ospita la seconda prova del Campionato Italiano - Comunicato team Miglio KTM

Team Miglio KTM: Italiano a Busca.

Il Kartodromo di Busca ospita la seconda prova del Campionato Italiano. Ragazzi crescono.

Gara incerta, tempo variabile, sorprese e colpi di scena nell’italiano vinto da ivan Lazzarini, con un primo in gara 1 ed un terzo. Adrien Chareyre vincitore di gara 2, VDB tradito dala frizione, scivolata di Gozzini e Thomas Chareyre nell’”umidità” di gara 2. Pole di Thomas Chareyre e giri veloci ancora di Thomas e di Eddy Seel in gara 2. I giovani del Team Miglio KTM Young Riders Project in “lotta” a partire dalle cronometrate, e crescendo finale di Marco Garbelotto.

Edgardo Borella ed Edgardo Borella, che corrono rispettivamente nell’Europeo Open e nel Mondiale, si trovano nella stessa classe dell’Italiano, e danno vita ad un bello show in famiglia. A soffrire sulla pista di Busca è Dall’Era, che non riesce a spuntare un tempo all’altezza del compagno di squadra. Con l’undicesimo ed il quindicesimo tempo, corretto con l’11° e 13° al termine del Warm Up, in gara i due”colleghi” del Team Miglio si separano. Borella è autore di una bella prima prova, con la conclusione in 9° posizione, mentre Dall’Era scende indietro e non riesce a recuperare una posizione all’altezza delle aspettative. Chiude 18°.

Stesso “copione” in gara 2, ma con un salto in avanti di entrambi i piloti. Ancora una prestazione “media” di Dall’Era, mentre Borella riesce a scalare una posizione ed a mettersi dietro tutti i coetanei. Ottavo posto e primo dei “giovani”. Al termine della prova di Busca Borella è quinto assoluto nell’Italiano, e davanti a lui ci sono solo piloti “d’esperienza”.

In forte crescita ancher il più giovane, almeno dal punto di vista agonistico, del Team Miglio KTM Young Riders Project. Marco Garbelotto, reduce dalla “dura” esperienza del Mondiale di Castelletto di Branduzzo, si rimbocca le maniche e cresce visibilmente, dando vita ad una bellissima gara. Al termine è 18°, ma alle sue spalle ci sono ben venti piloti. La Coppa talia, che è la classe più affollata dell’Italiano, è decisamente una bella “palestra” per i giovani.

Appuntamento con il Campionato Italiano il sei giugno, a Viterbo.

 

Wings for Life